Articolo del blog

Progetto 'Smart PA: Trasparenza e Voto Elettronico' - febbraio 2014

Progetto dal titolo “Smart PA: Trasparenza e Voto Elettronico”, presentato alla Regione Puglia, in risposta al bando Apulian ICT Living Labs approvato con determina del dirigente del Servizio Ricerca industriale e Innovazione N° 307 del 31/07/2012.

Nell'ambito di tale progetto, che ha come obiettivo finale la definizione di un prototipo relativo alla Trasparenza amministrativa e Voto elettronico, incaricato il Dipartimento di Storia, Società e Studi sull’Uomo – Laboratorio di eGovernment dell’Università del Salento, di fornire attività di ricerca e consulenza sul tema di ricerca eVoting, Responsabile scientifico è il Prof. Marco Mancarella; questi nel quadro delle attività di ricerca commissionata da Clio ha individuato la soluzione idonea a sviluppare una sperimentazione attraverso l’integrazione delle tecnologie della società Smartmatic International Holding B.V.,  con sede legale in Amsterdam, Paesi Bassi.

Smartmatic ha realizzato una soluzione di voto elettronico, già utilizzata a livello europeo da alcuni Paesi. Nel caso di specie della sperimentazione nel Salento, visionati vari processi di voto e macchinari sviluppati da Smartmatic nel mondo (Venezuela, Filippine, ecc.) l'Università del Salento, di comune accordo con Clio s.p.a., ha maggiormente sviluppato i processi connessi all'esperienza di Smartmatic in Belgio, in quanto esperienza di punta in ambito europeo e oramai testata in ampi territori (l'intero Paese del Belgio);

In data 21 marzo 2014, Clio S.p.A., l’Università del Salento e Smartmatic International Holding BV, hanno definito un accordo di collaborazione per la realizzazione di un Progetto Pilota finalizzato a fornire, durante le prossime  Elezioni del parlamento europeo che si terranno in data 25 maggio 2014, strumenti di voto elettronico in alcuni Seggi elettorali siti in Provincia di Lecce, con l'obiettivo di verificare nel contesto italiano soluzioni di voto elettronico.

L'efficacia del predetto accordo è subordinata alla partecipazione al progetto della Prefettura di Lecce, quale organo periferico del Ministero dell’Interno, attesa la competenza esclusiva statale in materia di elettorato attivo, tenuta e revisione delle liste elettorali, ripartizione dei Comuni in sezioni elettorali e scelta dei luoghi di riunione, nonché di verifica e controllo delle operazioni elettorali.